"Dobbiamo strappare l'assegno in bianco che è stato dato al governo"

Werner Boxler è una delle figure di spicco che si oppone al progetto di legge Covid 19 presentato al popolo. Egli chiama la legge anti-libertà.

Articolo di 24 ore, di Sébastien Jubin

Articolo di 24 ore

Herunterladen

Traduzione tedesca dell'intervista:


"La fine delle nostre libertà", "legge discriminatoria", "ricatto politico": questi argomenti sono ripetuti con veemenza. Abbiamo incontrato Werner Boxler, co-presidente degli Amici della Costituzione che hanno avviato il referendum contro la legge Covid. Il suo appartamento in un popolare quartiere residenziale di Losanna non sembra proprio un quartier generale della campagna. Werner Boxler, con sottili occhiali dalla montatura rossa e una coda di cavallo, ci saluta educatamente. Il 62enne life coach di San Gallo vive nella capitale vodese da quasi 40 anni. È padre di quattro figli e recentemente è diventato nonno. Nel suo salotto, dominato dal colore rosso e da una pianta rampicante, ci serve un bicchiere d'acqua, ci guarda con i suoi occhi scuri e uno sguardo diretto, e comincia a rispondere con voce calma.

Chi sei tu, Werner Boxler?
Un cittadino libero e indipendente, vincolato solo dalla sua coscienza. Non ho mai provato tanto amore per il mio paese come in questo momento. Voglio onorare e preservare i valori che hanno fatto della Svizzera una delle prime democrazie del mondo. Penso alla generazione di mio nipote di un anno. Voglio che sia orgoglioso di ciò per cui ho lottato durante questa crisi.

Fino a che punto la legge Covid pone fine alle nostre libertà?
Dall'inizio della gestione della crisi a metà marzo 2020, il Consiglio federale ha emesso ordinanze utilizzando la legge sui poteri di emergenza. Questo è durato fino a metà settembre. Molte misure hanno violato i diritti fondamentali, come il diritto di riunione e il diritto al lavoro. Improvvisamente non si poteva andare da nessuna parte, anche pacificamente, senza essere molestati dalla polizia. Nel maggio 2020, ero solo a Berna e mi è stato chiesto di andarmene. Mi fu chiaro che qualcosa non andava più bene nel nostro stato costituzionale.

Ma il dibattito si è svolto come al solito nelle camere del Nazionale e del Consiglio degli Stati, vero?
Il principio di sussidiarietà non è più rispettato. C'è uno spostamento di potere dal Parlamento - e quindi dal popolo - al Consiglio federale. Stiamo ballando al suo ritmo. Per i primi due mesi era relativamente giustificabile, lo ammetto. Ma dopo, la legge d'emergenza avrebbe dovuto finire per lasciare il posto ai normali processi democratici. Il Parlamento ha fallito.

Qual è un modo comune di governare nel periodo Covidi?
Parlando costantemente di emergenza, diventa la normalità. Non sono d'accordo. Dobbiamo riprendere l'assegno in bianco dato al governo, strapparlo e lasciare che il Parlamento faccia il suo lavoro.

Non le piace molto questo consigliere federale?
Non è una questione di affetto. Potrei andare a prendere un caffè con qualsiasi membro del college. Credo di avere qualcosa da condividere con loro e sono anche disposto ad ascoltarli. Questo è il principio del dibattito. Ci sono voluti settecento anni per creare una democrazia, un anno per distruggerla, e ora ci vuole un voto per ripristinarla.

Berna ha annunciato un rilassamento graduale. Non vuoi tornare alla vita normale?
Certo! Ma non in tutte le circostanze.

Sarete in grado di guardare i piccoli commercianti o le PMI dritto negli occhi se le sovvenzioni sono bloccate del tutto?
Il campo avverso ci vende una politica che non ha alternative. Ma ci sono alternative. Tutti gli articoli di legge che riguardano il sostegno popolare e commerciale potrebbero essere eliminati dal progetto di legge Covid e diventare legge ordinaria. Stiamo raggiungendo e offrendo soluzioni. La palla è nel campo del Parlamento. La nostra posizione è basata sul consenso.

Sta negando che c'è una grave crisi sanitaria?
Nel 2020, c'è stato un eccesso di mortalità tra gli over 75.
Considerando i cambiamenti demografici del paese e il fatto che i baby boomers stanno entrando nel loro terzo e quarto anno di vita, dobbiamo ammettere questo aumento dei decessi.
Ma non c'è un eccesso di mortalità tra i più giovani.
Inoltre, l'attenzione si concentra sui deceduti Covid-19 senza distinguerli dai deceduti che sono stati infettati ma sono morti per altre cause.

Misure di protezione, maschere, norme igieniche, chiusura di luoghi pubblici, è tutta aria fritta? La comunità scientifica vi dimostrerà che avete torto.
Devi solo essere proporzionale in ogni azione. La prima cosa da fare è lavarsi le mani. Le maschere sono utili per le persone sintomatiche. Quando una persona malata esce di casa, dovrebbe essere sicura di non diffondere goccioline. La maschera protegge, questo è noto. Ma diversi studi dimostrano anche che l'efficacia della maschera è relativa, soprattutto se la muovi, la metti sotto il naso, la usi più volte, se non ti lavi le mani. La maschera deve essere pulita per essere utile. Inoltre, perché il virus si sviluppi, deve incontrare un sistema immunitario indebolito. Costringere i bambini dai 12 anni in su a portare le maschere è un'assurdità. I bambini hanno generalmente un sistema immunitario sano.

Sostengono la libertà dei vaccini per tutte le età e per tutti i segmenti della popolazione. Ma questa libertà individuale esiste già.
Abbiamo iniziato a vaccinare nelle case di riposo e di cura. Molti residenti hanno accettato la vaccinazione per poter tornare nelle aree comuni e, soprattutto, per rivedere i loro cari. Gli svantaggi (per chi non è vaccinato) nelle case e l'insistenza della professione medica sulla vaccinazione diffusa è una coercizione occulta. C'è sempre anche la minaccia della quarantena. Secondo me, sono gli arresti domiciliari per le persone che ne soffrono. Anche i prigionieri sono in questa situazione.

Prevenire il sovraffollamento degli ospedali è un buon obiettivo, no?
Ovviamente deve essere possibile salvarli tutti. Ma in realtà, negli ultimi vent'anni, la capacità ospedaliera è stata ridotta da 20% a 30%. La redditività è stata messa prima della qualità delle cure. Questa redditività richiede che un ospedale sia tra 80 % e 90 % pieno. Se c'è il minimo problema nella comunità, i restanti 10-20 % saranno riempiti. L'estate scorsa, le autorità avrebbero potuto aumentare massicciamente la capacità degli ospedali. E cosa hanno fatto? Mettono tutto il denaro nell'economia. Non ne avrebbero avuto bisogno se avessero messo la gente a lavorare. Questo trasferimento di denaro è uno spreco sconsiderato e irresponsabile.

Quale paese può servire da modello?
Svezia, inequivocabilmente. Questo paese fa appello alla responsabilità individuale con l'obiettivo del benessere di tutti e dei più vulnerabili. In pratica, ci sono state alcune restrizioni nei bar, ma tutti i luoghi pubblici sono rimasti aperti, naturalmente con raccomandazioni sull'igiene e cautela nei festeggiamenti eccessivi. Certo, la Svezia aveva più morti all'inizio della crisi, ma oggi è paragonabile a nazioni come la Svizzera in termini di salute. Solo che la Svezia non ha distrutto la sua economia.

0
Carrello della spesa
  • Nessun prodotto nel carrello.