Il Consiglio federale diffonde disinformazione e propaganda

Alla sua conferenza stampa del 27.09.2021 sulla votazione delle modifiche della legge Covid 19, il Consiglio federale ha presentato al pubblico disinformazione, propaganda e paure.

Il CF sostiene: la libertà di viaggio è limitata senza certificato Covid: Questo è sbagliato. Viaggiare nell'UE e in tutto il mondo è possibile senza un certificato, basta una prova di test o di vaccinazione. La Gran Bretagna, per esempio, non ha un certificato Covid, e in alcuni stati americani tale prova è addirittura vietata. Il certificato Covid con codice QR non è per scopi sanitari, ma per il controllo e la sorveglianza di massa della popolazione.

Il CF sostiene: il certificato Covid è necessario per il turismoIl contrario. Il turismo è limitato e ostacolato dall'obbligo del certificato. Il certificato Covid sta facendo un danno enorme all'industria del turismo!

Il CF sostiene che l'abolizione del certificato Covid ha un impatto negativo sul settore alberghiero e della ristorazione: Questa è una bugia sfacciata, perché è vero il contrario. Il certificato Covid porta dimostrabilmente perdite massicce di fatturato del 17% alla gastronomia (cfr. Tages Anzeiger, 21.09.2021), porterà ancora più imprese alla rovina e distruggerà altre migliaia di posti di lavoro.

Il CF sostiene: in caso di un NO, la Confederazione non può più emettere un certificato Covid: Questa è una minaccia infondata ed estorsiva. La Confederazione o i cantoni possono naturalmente offrire un certificato volontario per i viaggi all'estero come servizio al cittadino. Invece, il Consiglio federale sta cercando di ricattare la popolazione con il certificato Covid per i viaggi e sostiene che non c'è "nessun piano B".

Il CF sostiene: importanti aiuti finanziari decadranno in caso di un voto NO: Questa affermazione è sbagliata, poiché praticamente tutti gli aiuti finanziari scadranno alla fine del 2021 o alla fine di marzo 2022 (fino ad allora le restrizioni Covid saranno applicate anche se il voto è NO).

Il CF sostiene: senza certificato, può verificarsi un lockdown: Questo non è altro che allarmismo e minacce. Non c'è motivo per un lockdown con o senza certificato. Dal momento che la vaccinazione è diventata disponibile, la Confederazione ha il dovere di ritirare e porre fine a tutte le misure Corona, come previsto dalla legge Covid 19 e come promesso dal Consiglio federale il 26 marzo di quest'anno: "Se tutti coloro che vogliono essere vaccinati sono vaccinati entro luglio, non ci sarà più bisogno di nessuna misura"!

Il CF sostiene: senza un certificato, potrebbero esserci chiusure di aziende:Questa è pura propaganda. In realtà, il certificato Covid porterà a fallimenti, chiusure, licenziamenti e alla perdita di migliaia di posti di lavoro nel settore alberghiero, della ristorazione e degli eventi e della cultura.

Il CF sostiene che Il certificato Covid permette di svolgere determinati eventi:Questo è sbagliato: a Zurigo, per esempio, il festival Alba è stato vietato nonostante l'obbligo del certificato (e i nostri concittadini albanesi sono stati così discriminati). Il certificato è medicalmente infondato perché è stato dimostrato che anche le persone vaccinate possono essere portatrici di virus e infettive. Dal momento che la vaccinazione è disponibile per tutti coloro che la desiderano, tali restrizioni devono essere eliminate e deve essere possibile organizzare eventi senza passaporto sanitario, come in passato.

Il Comitato per il NO al pericoloso inasprimento della legge Covid si impegna per un'informazione fattuale così come per una campagna di voto equa e una Svizzera libera senza vaccinazione obbligatoria, sorveglianza di massa e discriminazione.

Siamo a vostra disposizione per domande e risposte.

Siegfried Hettegger
Gestione della co-campagna
kampagne@covidgesetz-nein.ch

0
Carrello della spesa
  • Nessun prodotto nel carrello.