L'assalto al Parlamento federale

una lezione sulla manipolazione della percezione pubblica

Diverse donne confermano che il nostro ministro della salute non vuole usare il preservativo durante il sesso extraconiugale. Inoltre, l'ammenda del signor Berset è accusata di utilizzare le limousine ufficiali, compreso lo chauffeur, per le sue tresche. Ma il consigliere federale Berset non solo chiede ai contribuenti di pagare per le sue scappatelle sessuali con donne molto più giovani, ma anche di intimidire la sua ex amante e distruggere le prove. L'unità speciale d'élite "Tigris" deve lasciarsi abusare dal signor Berset per un'operazione che non è altro che degradante per questi duri professionisti. In seguito, il signor Berset fa redigere discutibili perizie psichiatriche e incarica il suo capo del personale di occuparsi delle spiacevoli conseguenze delle sue aberrazioni sessuali. Tutto questo può essere letto nell'attuale Weltwoche. Una smentita credibile del consigliere federale caduto in disgrazia? Non una parola. 

In un paese libero con libertà di opinione, il signor Berset si sarebbe già dimesso. In Svizzera sta succedendo qualcos'altro. I principali media, in stretta collaborazione con i funzionari politici, stanno inventando un'altra storia per distogliere l'attenzione da questo scandalo scandaloso. "Wag the Dog" è il nome di un film di Hollywood in cui un presidente americano, per distogliere l'attenzione da uno scandalo sessuale, mette in scena una guerra contro l'Albania. La coda che scodinzola in Svizzera è quello che io chiamo il "complesso media-stato". Si riferisce all'appiccicosa vicinanza tra i funzionari statali e i professionisti dei media in Svizzera. Reto Nause diffonde il suo inventato "assalto al Parlamento federale" via Twitter, che viene immediatamente ripreso dai mass media e ulteriormente gonfiato nel modo più assurdo. 

La perfetta innocuità di una dozzina di manifestanti che hanno fatto tremare le barriere durante una manifestazione altrimenti pacifica e allegra viene elevata a "violenza" e interpretata come un tentativo di prendere d'assalto la fortezza politica del Parlamento federale. Prove? Niente affatto. Chi ha bisogno di prove per le loro teorie quando si può continuare a mettere la palla in campo in un carosello assolutamente perverso di citazioni tra i media e i rappresentanti dello stato. Allo stesso tempo, il nostro promiscuo ministro della salute è assolto in brevi commenti. 

Ed è così che in Svizzera non solo non si parla della costosa vita da donna del signor Berset, ma non si dice nemmeno una parola sui motivi della folla sempre più numerosa e in gran parte pacifica delle manifestazioni. Il fatto che tutti i paesi che hanno risolto questa crisi in modo liberale sono oggi in una posizione molto migliore della Svizzera, è qualcosa di cui quasi nessuno al di fuori del movimento dei diritti civili parla. E non per i vili attacchi degli estremisti di sinistra alle manifestazioni, comunque. È un capolavoro nel controllo della percezione pubblica.

Il complesso media-stato governa la Svizzera con un pugno di ferro.

0
Carrello della spesa
  • Nessun prodotto nel carrello.