Consiglio federale e Parlamento
ingannano il sovrano!

Petizione per un voto equo

70637 FIRMATARI






Le nostre richieste

La domanda di voto sul progetto di legge Covid è manipolativa. Gli argomenti dei sostenitori sono direttamente integrati nel quesito di voto. Gli argomenti degli oppositori, importanti dal punto di vista della politica nazionale e della società, sono completamente omessi. Una tale procedura distorce il comportamento di voto dell'elettorato ed è indegna di una democrazia diretta.

 

Il Consiglio federale e il Parlamento hanno molto più spazio nel libretto di voto per presentare le proprie argomentazioni rispetto al comitato di referendum o di iniziativa.

  • Nella sezione "In breve", la situazione iniziale e la proposta sono descritte con una finta obiettività. De facto, questo passaggio si avvicina molto ad un argomento "sì". In combinazione con la domanda di voto manipolativa, il lato pro ha circa 75% della doppia pagina disponibile in questa sezione per promuovere un voto Sì.
  • Nella sezione "In dettaglio", la proposta dovrebbe essere presentata in modo neutrale rispetto al valore su quattro pagine. L'idea sarebbe che le parti pro e contro possano dire la loro su due pagine ciascuna dopo. La sezione delle informazioni è anche di parte qui. Si suggerisce che il disegno di legge riguardi principalmente più aiuti finanziari e che alcune altre banalità siano regolate. Il certificato, che esclude circa 2 milioni di persone in Svizzera da ampie parti della vita pubblica, non vale un titolo in grassetto. Gli aiuti finanziari, la maggior parte dei quali scadranno a marzo e non saranno colpiti se le misure di restrizione saranno respinte, sono presentati come rilevanti nella sezione delle informazioni. Questo è manipolativo e ingiusto.

La raccomandazione di voto del Consiglio federale e del Parlamento sul retro del libretto di voto dovrebbe essere omessa in futuro. Le raccomandazioni del Consiglio federale hanno una forte influenza sulla formazione dell'opinione a causa del loro alto profilo e dei magistrati, e influenzano eccessivamente la formazione dell'opinione dell'elettorato. Se si fa un referendum o un'iniziativa, c'è chiaramente un bisogno della popolazione di essere coinvolta nel processo politico e/o c'è insoddisfazione per la proposta legislativa del parlamento.

Firmare

Con questa petizione rivendichiamo i nostri diritti costituzionali e legali!

Grazie per aver partecipato.

70637 FIRMATARI

=
* significa moltiplicare

Citazioni sulla domanda in votazione

Roger Köppel in Weltwoche Daily, 12.11.2021:

"Questo è il più grande inganno manipolativo del cittadino votante che io sperimenti. Questo è uno scandalo! Il testo su questa scheda elettorale: massicciamente fuorviante, massicciamente unilaterale, massicciamente manipolativo. Non una sillaba menziona il certificato Covid. Questo testo è una vergogna per la Confederazione svizzera!".

Dottor Gerald Brei, avvocato:

"All'inizio di agosto 2021, il Tribunale federale ha respinto tutti i ricorsi di voto sul primo referendum del 13 giugno 2021 come irricevibili perché le dichiarazioni di voto non potevano essere direttamente contestate in tribunale. Questo apre le porte a manipolazioni di ogni tipo. Il Consiglio federale sta sfruttando senza ritegno questo margine di manovra legale per pubblicizzare in modo ingannevole le nuove disposizioni della legge Covid-19, che sono illegali e incostituzionali. Contrariamente all'articolo 34 della Costituzione federale, non è quindi possibile una libera formazione della volontà e una votazione non falsata. L'azione del Consiglio federale viola massicciamente i principi dello stato di diritto (art. 5 BV). Questo è uno scandalo di prim'ordine in termini di diritto costituzionale e politica democratica.

Julian Zaccaron, guida alpina:

"Questo quesito referendario è un'impareggiabile farsa. Non capisco come sia possibile una cosa del genere in Svizzera, la democrazia modello. È ovvio che vogliono ottenere il sì con tutti i mezzi, compreso l'inganno.

Dr. Klaus Rüdiger, storico, consiglio consultivo Amici della Costituzione:

"Una formazione libera e non distorta dell'opinione è un prerequisito fondamentale per i processi democratici. Per questo, la popolazione votante ha bisogno di informazioni corrette. Se la formazione dell'opinione è influenzata unilateralmente da un mezzo d'informazione centrale e ufficiale come la scheda elettorale, c'è una grave doglianza teorica democratica".

Sandro Meier, economista, consiglio Amici della Costituzione:

Con questo quesito referendario, la Svizzera si degrada al livello di una repubblica delle banane". Ovviamente, il marketing per una legge inizia con il nome della legge".

Heidi Joos, direttore generale Avenir50plus, ex consigliere cantonale:

"Ingannevole e manipolativo, il quesito di voto.
Nessun disoccupato perderà nemmeno un franco di indennità giornaliera se votiamo NO, ma gli sarà risparmiata la sorveglianza e una società a due velocità".

Marion Russek, imprenditrice, co-presidente Amici della Costituzione:

"Non avrei mai immaginato che una scheda elettorale in Svizzera potesse essere così ingannevole!

I nostri processi democratici si stanno smantellando: questa tattica di ingannare gli elettori è lontana dalla trasparenza e dall'informazione basata sui fatti.

0
Carrello della spesa
  • Nessun prodotto nel carrello.